Dall'assemblea dell'Eparchia di Lungro nuovo sostegno al "Percorso Niliano"

Scritto da Fabrizio Giusti il . In Frascineto - Frasnita

ConvegnoFrascinetoIl 27 e 28 agosto 2015 a Frascineto, cittadina di tradizione greco albanese situata ai piedi del Monte Pollino, ha avuto luogo l'Assemblea Annuale Diocesana della Eparchia di Lungro. Questa Eparchia, unitamente a quella di Piana degli Albanesi e dell’ Abbazia Greca di Grottaferrata, testimonia la presenza bizantina in italia.

La cattolicità, infatti, se è una ed universale quanto alla professione di fede, alimenta la sua unità con una pluralità liturgica di cui la tradizione greco-cattolica è un emblema. La partecipazione all'incontro di Sua Ecc. Mons. Cyril Vasil, Segretario e di Mons. Lorenzo Lorusso, Sotto Segretario della Congregazione delle Chiese Orientali sottolinea la valenza anche ecumenica di una presenza cattolica di rito greco all’ interno della realtà ecclesiale italiana. Proprio per questo, fra i relatori va sottolineata la partecipazione di un profondo conoscitore del “mondo orientale”, il benedettino P. Adalberto Piovano il quale si è soffermato sul tema Educare alla fede.

All'importante incontro hanno inoltre preso parte il presidente e il suo vicepresidente dell’ Associazione Amici dell'Abbazia Greca di San Nilo, Virgilio Avato e Giovanni Russo, i quali hanno colto l'occasione per illustrare a Sua Ecc. Mons. Donato Oliverio, Eparca di Lungro il progetto di questa nuova, ma già vivace realtà. L'Eparca ha condiviso il progetto che intende favorire una rinnovata valorizzazione del percorso niliano. I due esponenti dell’associazione hanno approfittato della loro presenza in Calabria anche per intessere relazioni con autorità civili dei comuni bizantini che hanno mostrato apprezzamento per la loro azione.

Partendo dal nome stesso del suo paese, che sorse come Grottaferrata accanto al monastero di S. Adriano, fondato da S. Nilo, il sindaco di S. Demetrio Corone Cesare Marini e Virgilio Avato hanno convenuto, in questa fase storica caratterizzata da profonde relazioni tra genti diverse, di valorizzare e di favorire il gemellaggio tra il paese calabrese e la cittadina greca di Koroni, abbandonata a seguito della conquista dei turchi, i cui abitanti emigrarono in Calabria. Questi progetti rappresentano una delle possibili iniziative di un rinnovato percorso niliano che ha trovato sostegno nel primo cittadino di S. Demetrio Corone.

 

Continua quindi l'idea illuminante e spirituale di unire e coordinare le città e i luoghi in cui San Nilo e il monachesimo orientale lasciarono traccia in Italia e in Europa. Una condivisione che potrebbe portare nei prossimi mesi ad un interessante laboratorio di cultura e religiosità che durante l'estate ha già mosso i suoi primi passi con un bel successo e molto entusiasmo.

Il 27 e 28 agosto 2015 a Frascineto, cittadina di tradizione greco albanese situata ai piedi del Monte Pollino, ha avuto luogo l'Assemblea Annuale Diocesana della Eparchia di Lungro. Questa Eparchia, unitamente a quella di Piana degli Albanesi e dell’ Abbazia Greca di Grottaferrata, testimonia la presenza bizantina in italia.

La cattolicità, infatti, se è una ed universale quanto alla professione di fede, alimenta la sua unità con una pluralità liturgica di cui la tradizione greco-cattolica è un emblema. La partecipazione all'incontro di Sua Ecc. Mons. Cyril Vasil, Segretario e di Mons. Lorenzo Lorusso, Sotto Segretario della Congregazione delle Chiese Orientali sottolinea la valenza anche ecumenica di una presenza cattolica di rito greco all’ interno della realtà ecclesiale italiana. Proprio per questo, fra i relatori va sottolineata la partecipazione di un profondo conoscitore del “mondo orientale”, il benedettino P. Adalberto Piovano il quale si è soffermato sul tema Educare alla fede.

All'importante incontro hanno inoltre preso parte il presidente e il suo vicepresidente dell’ Associazione Amici dell'Abbazia Greca di San Nilo, Virgilio Avato e Giovanni Russo, i quali hanno colto l'occasione per illustrare a Sua Ecc. Mons. Donato Oliverio, Eparca di Lungro il progetto di questa nuova, ma già vivace realtà. L'Eparca ha condiviso il progetto che intende favorire una rinnovata valorizzazione del percorso niliano. I due esponenti dell’associazione hanno approfittato della loro presenza in Calabria anche per intessere relazioni con autorità civili dei comuni bizantini che hanno mostrato apprezzamento per la loro azione.

Partendo dal nome stesso del suo paese, che sorse come Grottaferrata accanto al monastero di S. Adriano, fondato da S. Nilo, il sindaco di S. Demetrio Corone Cesare Marini e Virgilio Avato hanno convenuto, in questa fase storica caratterizzata da profonde relazioni tra genti diverse, di valorizzare e di favorire il gemellaggio tra il paese calabrese e la cittadina greca di Koroni, abbandonata a seguito della conquista dei turchi, i cui abitanti emigrarono in Calabria. Questi progetti rappresentano una delle possibili iniziative di un rinnovato percorso niliano che ha trovato sostegno nel primo cittadino di S. Demetrio Corone.

Continua quindi l'idea illuminante e spirituale di unire e coordinare le città e i luoghi in cui San Nilo e il monachesimo orientale lasciarono traccia in Italia e in Europa. Una condivisione che potrebbe portare nei prossimi mesi ad un interessante laboratorio di cultura e religiosità che durante l'estate ha già mosso i suoi primi passi con un bel successo e molto entusiasmo.

IlMamilio.it

Web Soft

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.