La tv parla arbëreshe

Scritto da CalabriaOra il . In Varie

Oggi alle 20 l’emittente Teleuropa Network manderà in onda il format televisivo “Arbëriatvoccitana”, prodotto dalla stessa emittente e realizzato dall’equipe del progetto omonimo della Provincia di Cosenza, finanziato con legge 482/99 di tutela delle minoranze linguistiche storiche.
.
Il format sarà presentato nel corso di una conferenza stampa oggi alle 11 nella sala degli stemmi del palazzo della Provincia. Il programma televisivo plurilingue “Arbëriatvoccitana” è diretto alle popolazioni italo-albanesi e occitane della provincia cosentina e non solo. La comunicazione userà infatti le due lingue minoritarie l’albanese e l’occitana, unitamente all’italiano. Il format di 35 minuti (informazione con un notiziario di 8 minuti: “Gazetë / Jornal” e approfondimenti e cultura: “Rilindja / Renaissença / Rinascita”), a cadenza settimanale, sarà messo in onda dall’emittente privata Teleuropa Network nei giorni e nelle fasce orarie seguenti: martedì alle 20, mercoledì alle 9 e giovedì alle 16,30. Con questo progetto si vuole finalmente dare voce alle popolazioni calabresi di altra lingua e cultura, così come prevede la legge quadro di tutela delle minoranze linguistiche storiche (482/99). Il progetto ha come obiettivo la salvaguardia e la valorizzazione delle antiche lingue e delle culture arbëreshe ed occitana, attraverso il mezzo televisivo (art. 14 legge richiamata). La programmazione è fatta dagli alloglotti per gli alloglotti, ma è destinata logicamente anche a quanti non appartenenti a queste comunità, grazie all’uso anche della lingua italiana. A realizzarlo sono gli ideatori del progetto, i giornalisti Alfredo Frega (direttore esecutivo) e Nicola Bavasso (responsabile della programmazione) presentato dall’amministrazione provinciale di Cosenza, nella persona dell’assessore alle Minoranze linguistiche, Donatella Laudadio. Datato 2004, è stato il primo del genere ad essere approvato dalla Commissione ministeriale competente e quindi va considerato come un prototipo, un progetto pilota. Oltre alla Provincia hanno concorso al progetto l’Università della Calabria, Dipartimento di Linguistica, Sezione Albanese diretto da Francesco Altimari (ordinario di Lingua e Letteratura Albanese) e il Coordinamento provinciale dei comuni delle minoranze albanesi e occitane. I temi che si andranno a trattare sono: la storia di questi popoli, le lingue che parlano, la letteratura erudita e popolare, le tradizioni, il rito religioso, l’economia, la socialità e le loro terre di provenienza, l’Albania per gli uni e le Valli occitane del Piemonte per gli altri. Non ultima la problematica attuazione della legge di tutela, riguardante l’insegnamento delle lingue minoritarie, i progetti degli enti locali, di quelli territoriali e dell’università, temi che avranno carattere di preminenza. Così come l’informazione istituzionale. I promotori dell’iniziativa sottolineano «il grande impegno profuso dalla Provincia di Cosenza, in particolare dall’assessore provinciale alle minoranze linguistiche, Donatella Laudadio in favore della cultura albanese ed occitana e della valorizzazione dei territori dove insistono queste minoranze che, a macchia di leopardo, investono gran parte della provincia». Parteciperanno alla conferenza stampa di oggi il presidente Mario Oliverio, l’assessore Laudadio il docente Unical Altimari e i giornalisti Frega e Bavasso e Attilio Sabato, direttore di Teleuropa. Saranno presenti inoltre sindaci e amministratori dei Comuni dell’area albanese e occitana.
 

Minoranze in video 

di Alfonso Bombini 6 maggio 2008 
Sono solo 35 minuti, ma adesso le minoranze arbereshe e occitana occuperanno uno spazio importante all’interno della programmazione di Teleuropa Network. In occasione della presentazione della “Arberiatvoccitana”, Attilio Sabato, direttore dell’emittente cosentina, mette in evidenza l’importanza della «immersione nel circuito nobile della comunicazione di una lingua troppo spesso dimenticata», che ha sempre rappresentato nella cultura egemone un confine antropologico importante, ma pur sempre un confine, un luogo a margine e non una cultura caratterizzante della regione Calabria. In tempi in cui il dialogo fra popoli diversi è diventato essenziale, «combattere l’isolamento » -continua ancora Sabato- «è un’esigenza primaria per questo territorio». Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento del presidente dalla Provincia di Cosenza, Mario Oliverio, desideroso di rilevare come questa iniziativa vuole «valorizzare un patrimonio di tradizioni di inestimabile valore troppo spesso relegato a margine da una classe politica che in passato ha commesso degli errori ». «E poi questa storia dell’integrazione non esiste per queste comunità che sono parte integrante della nostra terra da secoli» - aggiunge Oliverio- che racconta dei suoi «numerosi e calorosi amici e compagni di partito abitanti di questi paesi». L’assessore alle Minoranze linguistiche, Donatella Laudadio, si mostra soddisfatta del lavoro svolto dalla Provincia, e sottolinea «non solo l’importanza di un progetto in grado di unire le diverse anime della Calabria, ma anche le evidenti ricadute economiche e turistiche che un’iniziativa di questo tipo porta con sé». Il filo conduttore di questo incontro è la diffusa volontà di valorizzare la centralità delle minoranze in tempi in cui si inneggia alla globalizzazione. Il docente Unical Altimari, che insegna Lingua e letteratura arberesche, guarda all’apparizione catodica dell’Arberia come a un «primo passo rivoluzionario per coagulare tutta la tradizione meditteraneo-balcanica». «Perché le nostre comunità -commenta Altimari- non sono ospiti ma vivono e partecipano alla cultura di una intera regione». Nicola Bavasso illustra il progetto di “Arberiatvoccitana”, che si propone di fornire un servizio di «informazione e approfondimento». E se Attilio Sabato parla del «cuore che ha messo Ten in questo progetto », Alfredo Frega ricostruisce la «lunga incubazione» di una presenza televisiva che dà la giusta visibilità a minoranze che contribuiscono in modo decisivo alla costruzione di un futuro comune.
 
 
Tratto dal sito www.calabriaora.it 

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.