Neonata salvata dai medici dell'ex ospedale di Lungro

Scritto da Giacinto De Pasquale il . In Lungro - Ungra

Spitali.jpgNove giorni di vita, una poppata, il gesto più naturale e amorevole che un neonato possa compiere, può trasformarsi in un terribile atto che semina il panico. Il latte che si riversa nelle vie respiratore, arriva ai polmoni e riduce l’apporto di ossigeno. Solo il repentino intervento di un medico esperto, in caso come questi,  può scongiurare danni irreparabili al neonato. E’ successo nel comprensorio del Pollino, dove una giovane coppia, disperata per le condizioni critiche in cui versava la primogenita nata nove giorni prima, ha chiesto l’intervento dei medici dell’ex ospedale di Lungro.

La bimba arrivata nel nosocomio arbëresh con una polmonite ab ingestis in corso, presentava una colorazione di pelle bluastra ed aveva  evidenti difficoltà di respirazione. L’intervento repentino del dottor Antonio Malomo, medico specialista in servizio presso il reparto di Dialisi e le successive manovre di aspirazione del liquido penetrato nei polmoni effettuate dall’equipe del 118 diretta dal dottor Oreste Gallo, hanno salvato la vita alla piccola. Senza il tempestivo intervento dei medici, il latte materno avrebbe invaso completamente i minuscoli organi della bimba non lasciandole scampo.

Giacinto De Pasquale

 

DirittoDiCronaca.it

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

Articoli suggeriti