Il rito bizantino

Scritto da papàs Vittorio Amedeo Marchianò il . In Il Rito Greco-Bizantino

La fede cristiana confessa il Cristo, quale Figlio di Dio incarnato, unico Salvatore degli uomini con l’azione perenne e potente dello Spirito Santo lungo la storia umana.
Tale fede si apre alla cultura e ai valori ideali dei diversi popoli, fa suo ciò che vi è di valido e positivo, scende nella mentalità e nel sentimento di un determinato popolo, vi si incarna, per esprimersi in modo adatto e comprensibile, usando una determinata lingua, sottolineando atteggiamenti e sensibilità, coniugandosi con il pensiero umano, con il vivere profondo dell’uomo e accompagnandolo nella sua storia.

.

La Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo

Scritto da papàs Vincenzo Matrangolo il . In Il Rito Greco-Bizantino

100_4393.jpgIl presupposto dell'apostolato ecumenico è la conoscenza vicen­devole tra le varie comunità cri­stiane.

La Divina Liturgia detta di San Giovanni Crisostomo, insieme a quella attribuita a San Basilio, in uso nella Chiesa Bizantina costi­tuisce non solo un testo di pre­ghiera sacrificale, prezioso per la sua antichità, ma anche un efficace veicolo della conoscenza del­la Ecumene Bizantina di cui ci svela la vita e l'anima.

Articoli suggeriti