Circolare del Vescovo di Lungro per la Pentecoste

Scritto da S.E. Rev.ma Donato Oliverio il . In dall'Eparchia di Lungro

Carissimi, ci prepariamo a celebrare la Pentecoste, che conclude le celebrazioni del ciclo liturgico pasquale, festa dell’effusione dello Spirito Santo, è nel contempo la festa anche della rivelazione della Santissima Trinità ed è il motivo per cui tanti inni della liturgia del giorno tentano di esprimere il mistero della Trinità: “Venite popoli, adoriamo la Divinità in tre Persone, Figlio nel Padre con lo Spirito Santo. Il Padre, fuori del tempo, genera il Figlio coeterno e corregnante; e lo Spirito è nel Padre glorificato con il Figlio: unica Potenza, unica Sostanza, unica Divinità” (Doxastikon del Vespro).
 
Lo scopo ultimo della Venuta dello Spirito Santo è di introdurre i credenti nel cuore della vita trinitaria: “Abbiamo ricevuto lo Spirito celeste, abbiamo trovato la vera fede, adorando la Trinità indivisibile”.

 

Tale fine si ottiene tramite varie azioni e manifestazioni più concrete e particolari che la Liturgia si compiace di enumerare: “Lo Spirito Santo procura tutti i benefici, effonde le profezie, costituisce i sacerdoti, insegna la sapienza agli ignoranti, trasforma i pescatori in teologi, coordina tutta l’azione della Chiesa” (3° stichirà del Vespro).

 

Poiché la celebrazione della Pentecoste ricorda la discesa dello Spirito Santo sugli Apostoli, molti testi liturgici mettono in particolare risalto la sua azione su di essi e la loro importanza unica nella Storia della Salvezza. Così l’Apolitikion: “Benedetto sei Tu, Cristo Nostro Dio, che hai reso sapienti i pescatori, inviando loro lo Spirito Santo, e per mezzo di essi hai preso nelle reti il mondo”.

 

 

 

ANNIVERSARIO EDITTO DI MILANO (313-2013)

 

 

 

Nel maggio del 313 l’imperatore Costantino emanò da Milano il suo famoso editto con il quale riconosceva il diritto di ogni cittadino di professare in modo libero e pubblico la propria religione.

 

L’imperatore Costantino e l’Editto di Milano hanno segnato la storia dell’Impero Romano e della Chiesa. Certo, il suo è stato anche un editto politico, ma non si può trascurare il valore vero della libertà di religione in esso contenuto.

 

La celebrazione di un anniversario per ricordare e fare emergere e dare slancio alla questione della libertà religiosa come bene essenziale per l’uomo di ogni tempo e cultura e allo stesso tempo per mostrare il contributo originale che la fede cristiana ha saputo dare nella costruzione dell’uomo e della società.

 

Comprendere meglio il significato dell’Editto di Milano, le conseguenze religiose, politiche e sociali di questo editto di libertà, ci aiuta oggi a vivere meglio come cittadini e come cristiani.

 

Il cammino che la Chiesa fa nei primi secoli, con confronti teologici sull’identità di Gesù e sulla Trinità, permette di conoscere anche grandi figure di Santi: Atanasio, Ilario, Basilio, Ambrogio, solo per citare alcuni, guide teologiche e veri difensori della libertà di religione e della Chiesa.

 

 

 

GIORNATA DIOCESANA DELLA GIOVENTÙ

 

Come già annunciato precedentemente, l’annuale Giornata Diocesana della Gioventù quest’anno si svolge a S. Cosmo Albanese, un evento rivolto ai giovani che la Pastorale Giovanile della diocesi organizza con tanta cura.

 

 

 

Vi aspetto con i vostri giovani a San Cosmo Albanese, il 25 giugno, alle ore 10,00: trascorreremo insiemeuna giornata intensa di testimonianze, riflessioni, condivisione e preghiera, oltre a momenti di comunione e svago, che fanno da corona a questa giornata.

 

Sarà cura del responsabile della Pastorale Giovanile, Papàs Elia, trasmettere il programma.

 

Papa Francesco così ricorda ai giovani: “I giovani devono dire al mondo: è buono seguire Gesù; è buono andare con Gesù; è buono il messaggio di Gesù; è buono uscire da se stessi, alle periferie del mondo e dell’esistenza per portare Gesù”.

 

SCELTA DELL’OTTO PER MILLE

 

Si è prossimi alla scadenza della dichiarazione dei redditi.

 

Siamo chiamati a sensibilizzare i fedeli perché con la prossima dichiarazione dei redditi i contribuenti vogliano destinare alla Chiesa Cattolica l’otto per mille del gettito complessivo dell’IRPEF.

 

 

 

GIORNATA PER LA CARITÀ DEL PAPA

 

Domenica 30 giugno si celebrerà in Italia la Giornata per la carità del Papa. Un appuntamento di carità di grande significato, dal valore non soltanto pratico ma anche fortemente simbolico.

 

In tutte le Chiese saranno raccolte offerte che il Papa destinerà liberamente alle sue opere di carità portando nel cuore, come pastore della Chiesa universale, le necessità del mondo intero.

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

Articoli suggeriti