Notizie per gli arbëreshë emigrati in Italia

“Bukurìa arbëreshe”

il . In Cosenza

BukuriaPapàs Pietro Lanza, il parroco della Chiesa di rito greco-bizantino di Cosenza, dedicata al Santissimo Salvatore, presente in città dal 1978, ha inteso istituire da quest’anno la festa parrocchiale dal significativo titolo “Bukurìa arbëreshe” (la bellezza albanese), per far conoscere ai cosentini, e non solo, una parte del grande patrimonio di storia, cultura, spiritualità che il popolo italo-albanese custodisce nei piccoli centri dove, da oltre 500 anni vive; un tributo di riconoscenza anche a Cosenza, città dove abitano oltre 5.000 italo-albanesi.

Biblioteca online di "Vatra arbëreshe"

Scritto da Vincenzo Cucci il . In Chieri

Të dashura miqë arbëreshë e shqipëtarë, se aprite il link della BIBLIOTECA ONLINE di VATRA ARBЁRESHE, potrete vedere che stiamo facendo una importante operazione culturale a disposizione di quanti siano interessati alla nostra lingua e cultura.

Convegno "Viaggio Arbëresh a 15 anni dalla legge 482/1999"

il . In Roma

ConvegnoRomaSi è svolto lo scorso 14 novembre, presso il Circolo dell’Aeronautica Militare di Roma, il convegno dal titolo “Viaggio Arberesh a 15 anni dalla legge 482/1999. Apre i lavori il Prof. Antonello Biagini Prorettore Vicario dell’Università Sapienza di Roma, soffermandosi su tutto il lavoro che viene svolto in ambito accademico sul tema linguistico e dell’importanza di instaurare una collaborazione con le altre Università interessate. (Video completo dell'evento)

InkulkeRAI

Scritto da Gianni Belluscio il . In Cosenza

InkulkeRAIRENDE, 30 ottobre 2014.  Al Club_Università dell’Unical davanti alla platea ridotta di una quindicina di sindaci arbëreshë e di poche altre persone, tra le quali anch’io, è intervenuto a un certo punto il capo della Rai regionale della Calabria, Crucitti, il quale ha esordito attaccando la platea con uno stentoreo “La colpa è anche vostra” ripetuto cinque o sei volte. A queste parole un sindaco, poveretto!, ha tentato di far partire un applauso ma che per fortuna è abortito.

Articoli suggeriti