Dopo anni torna a riunirsi il COREMIL

Scritto da Red. Jemi il . In Arberia

RiunioneCoremilDopo anni di inattività, torna a riunirsi il Comitato Regionale delle Minoranze Linguistiche (COREMIL).

Nella concezione della legge regionale per la tutela delle minoranze Grecaniche Occitane e Arbëreshë, il COREMIL doveva avere un ruolo centrale che, in realtà, non ha mai avuto. Dopo poche attività iniziali, infatti, il suo ruolo così come tutta la legge a difesa delle minoranze linguistiche della Regione Calabria è stata disattesa e non finanziata. Si parla ora di riattivazione del processo di tutela. 

 

COMUNICATO STAMPA

Il vice presidente Nino Spirlì, con deleghe alla cultura e beni culturali, ha presieduto in Cittadella una riunione del COREMIL (Comitato Regionale delle Minoranze Linguistiche), le Comunità Grecaniche Occitane e Arbëreshë.
All’incontro erano, inoltre presenti Sonia Talarico, direttore generale settore Istruzione e attività culturali e Maria Antonella Cauteruccio, dirigente settore cultura, musei, biblioteche, archivi e minoranze linguistiche.
Il Coremil rappresenta uno degli strumenti essenziali per la tutela e la promozione della grande pluralità linguistica e culturale della nostra regione, e in tale ambito le identità costituiscono un vero tesoro e patrimonio culturale. Noi lavoreremo affinché non resti nel dimenticatoio, come già successo con le passate amministrazioni e, in particolar modo, per tutelare le identità e mantenere ed aumentare il numero di persone che parlino l’Arberesh, l’Occitano e il Grecanico, evitando che il patrimonio linguistico, e dunque, una lunga storia umana si disperda.
“Questo comitato - ha precisato Spirlì - si adopererà per dare finalmente una svolta decisiva a questo grande progetto, mettendo in campo le giuste competenze e professionalità, per dare le risposte che da troppo tempo questo territorio attende”.
Nella giornata di ieri, nella sede della Cittadella, il vicepresidente ha poi incontrato il direttore della sede regionale RAI Calabria Demetrio Crucitti per discutere sulla necessità di programmare spazi dedicati alle minoranze linguistiche. In tal senso, il vicepresidente ha manifestato la volontà di avviare un progetto che preveda la produzione e la diffusione di programmi e servizi giornalistici in italiano e in lingua dedicati alle minoranze linguistiche storiche presenti in Calabria, con riferimento a programmi culturali, educativi e di intrattenimento nelle lingue d’identità albanese, greca e occitana. Spirlì ha messo in evidenza l'importanza che il progetto dovrà avere “affinché il patrimonio delle lingue occitana, greca e arbreshe venga conservato e tramandato. Mai come in questo momento – ha specificato il vicepresidente - è importante, al fine di preservare le nostre identità, raccogliere le conoscenze delle nostre comunità arbreshe, occitane e grecaniche prima che le stesse si disperdano”. Il direttore Crucitti ha ringraziato l'assessore Spirlì per aver consentito questo incontro e per aver messo in connessione la Regione Calabria con la RAI: evento quasi eccezionale in quanto nelle passate legislature è stato pressoché impossibile colloquiare e programmare con la Regione progetti di tale portata. Hanno partecipato all'incontro i direttori generali Sonia Tallarico, alla cultura, Maurizio Nicolai, alla programmazione, Francesca Gatto, al turismo, i quali sono impegnati, ognuno per i settori di competenza, a portare avanti questa iniziativa che mira alla valorizzazione e alla promozione delle identità culturali della Calabria.

Ufficio Stampa Giunta Regionale

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.