Il Laboratorio di Restauro di Mezzojuso

Scritto da Matteo Cuttitta il . In Mezzojuso

Laboratorio_restauroNel 1921 è affidato all’Ordine Basiliano d’Italia, per l’istruzione dei giovani di origine albanese, il Monastero nato agli inizi del 1600, costruito dalle rendite di un nobile albanese “Andrea Reres” imparentato con il condottiero Shiptaro Skandemberg. L’Istituto “Andrea Reres” (ex Monastero Basiliano) di Mezzojuso, ospita dal novembre 1967, un Laboratorio di Restauro del Libro Antico. Questo centro  nasce per l’interessamento e dopo vari contatti, fra la Biblioteca Nazionale di Palermo e Padre Dionisio Zito (Monaco Basiliano di Grottaferrata).
.

La chiesa di S. Nicolo’ di Mira

Scritto da Pietro Di Marco il . In Mezzojuso

Madrice_San_Nicolò_(1)La chiesa di S. Nicolò di Mira o Matrice greca, sita nella piazza Umberto I, si eleva, insieme con l'attigua Matrice latina, al centro del paese. Venne costruita dal 1516 al 1520, quando si determinò la necessità di provvedere ai bisogni spirituali della popolazione, in seguito all'espansione del territorio urbano di Mezzojuso.
.

Il Castello di Mezzojuso

Scritto da Pietro Di Marco il . In Mezzojuso

Il_Castello_-_angolo I Corvino non abitarono stabilmente nel feudo di Mezzojuso, però saltuariamente vi si reca­vano ed è per questo che c'era la casa che veniva chiamata «lu castello», E' stato scritto che questa «casa vocata lu castello...» sino al 1526, cioè dopo venticinque anni della permanenza degli albanesi in quel sito, consisteva in una sola stanza». Preliminarmente può dirsi che nessuno degli atti in cui si parla di questa casa specifica che essa era di una sola stanza, «una semplice stanza terrana, chiamata lo Castello».
.

Il Monastero Basiliano di Mezzojuso - Note storiche

Scritto da Pietro Di Marco il . In Mezzojuso

PIC-Cartolina-Reres-25 Nel 1609 moriva Andrea Reres, Il Monastero venne aperto nel maggio 1648 e fu affidato a monaci di rito greco. P. Mitrofane, si era recato nel 1647 a Creta e, nell'anno successivo, era rientrato a Mezzojuso assieme ad alcuni monaci, reclutati nella zona dell'Acrotiri (Monastero di Aghìa Triàs) e altrove (Monastero di Ankaratho).Giunsero così in Sicilia: P. Geremia Scordili, P. Atanasio Cristoforo, P. Mitrofane Carsachi (forse lo stesso incaricato della Missione), e fratel Serafino di Macedonia. Successivamente, e fino alla prima metà del XIX secolo, altri monaci vi arrivarono direttamente da Creta o da altre isole dell'Egeo, come pure dalle regioni continentali della Grecia.
.

Articoli suggeriti