La battaglia di Ujëbardha

Scritto da Luigi Boccia il . In Varie

thumb_Skanderbeg.jpg La battaglia di Ujëbardha (Acque-bianche, conosciuta anche come Battaglia di Albulena) è stata combattuta il 2 Settembre 1457 tra le forze Epirote comandate da Skanderbeg e le truppe dell’esercito Ottomano. La battaglia di Ujëbardha è da considerarsi la più importante vittoria in campo aperto del re Epirota contro gli Ottomani. L’armata albanese di circa 15 mila soldati si è scontrata con la spedizione ottomana di 70 mila uomini sul campo di Ujëbardha, località posta a metà strada tra Lezhë e Krujë.

 

 

 

.

Giorgio Castriota Skanderbeg - L'Eroismo Albanese

Scritto da Antonina Zhelyazkova il . In Varie

SkanderbegBattleGli anni fino al 1468, quando Skanderbeg morì, furono carichi di tensione, con un susseguirsi incessante di battaglie e di missioni diplomatiche all'estero. Nel 1463, tratto in inganno dall'intenzione del Papa, di Venezia e di altri stati italiani e dell'Europa centrale che avevano mostrato l'intenzione di organizzare una crociata contro l'Impero Ottomano, Skanderbeg ruppe il trattato di pace con Mehmed II. La crociata promessa non venne mai organizzata e le terre Albanesi furono soggette ad una sistematica devastazione.

Il Rito Greco-Bizantino e gli albanesi in Italia

Scritto da Sito Eparchia di Lungro il . In La Chiesa Italo-Albanese

Il rito

Uno degli aspetti tradizionali più gelosamente custoditi dagli arbëresh in Italia è quello religioso. Ancora oggi in buona parte delle comunità italo-albanesi si mantiene vivo il rito greco-bizantino. Alquanto interessante risulta l’esame della parabola che ha portato la Chiesa Universale a dividersi in una Chiesa d’Occidente ed in una Chiesa d’Oriente e quante difficoltà hanno avuto gli albanesi a conservare il loro essere Chiesa d’Oriente in Italia, patria della Chiesa d’Occidente.

.

La Storia di Cavallerizzo di Cerzeto

Scritto da Antonio Madotto il . In Cavallerizzo - Kajverici

Esistono in Italia molte comunità di origine albanese. Cavallerizzo è una di queste. Tali comunità sono nate in seguito agli spostamenti di profughi albanesi verso il Sud Italia avvenute soprattutto a partire dal XV secolo, quando cioè l’Albania subì l’invasione ottomana. In realtà sembra che nelle nostre zone non esistano paesi letteralmente fondati dagli albanesi, ma bensì essi (i profughi) si sono insediati presso siti abitati già esistenti.

.

Articoli suggeriti