TPL_OFFCANVAS_EMPTY_ERROR
1826 Locust Street, Bainbridge support@templaza.com

I vostri commenti alla iniziativa di Jemi a sostegno della lingua arbëresh

La vostra iniziativa mi sembra molto giusta e lodevole. Io, purtroppo, sono figlio di un Arberesh di Palazzo Adriano e di una “Italiana”. Non ho quindi mai sentito neppure parlare la lingua. Oramai sono “perduto”; credo sia gia’ molto se ho conservato il rito bizantino, nel quale mi sono sposato, ho battezzato i miei figli e i miei nipoti. E’ importante che quanto accaduto a me non si ripeta e quindi che i bambini che nascono nelle nostre famiglie imparino la lingua e non la dimentichino. Un saluto affettuoso Paolo Barcia.

Luigi Boccia