L'Epifania, Teofania per la chiesa bizantina

Scritto da Archimandrita Eleuterio Fortino il . In Chiesa e Religione

Epifania_2007_-benedizione.jpg La festa del 6 gennaio, in cui si commemora il battesimo di Gesù Cristo nel Giordano, nella Chiesa bizantina, viene liturgicamente chiamata Teo-fania (manifestazione di Dio), ma anche il termine Epi-fania (manifestazione dall'alto) vi trova riscontro e uso.
.
Il Synaxàrion indica: "Il 6 di questo mese di gennaio celebriamo le Sante Teofanie del Signore Dio e Salvatore nostro Gesù Cristo". Viene usato il plurale ‘le Sante Teofanie' (ta Hàghia Theophàneia) le Manifestazioni di Dio. Dio in realtà si è manifestato nella incarnazione e nascita secondo la carne del Verbo, e si è rivelato come Trinità, Dio Uno e Trino: Padre, Figlio e Spirito Santo.

Il Battesimo di Gesù nel fiume Giordano, che commemoriamo in questo giorno, ci ricorda che lì "si è manifestata" la Santa Trinità che noi "veneriamo".

L'Apolytìkion del giorno contiene gli elementi essenziali della festa della Teofania. L'inno canta:

"Al tuo battesimo nel Giordano,

si è manifestata l'adorazione della Trinità;

la voce del Padre ti rendeva infatti testimonianza,

chiamandoti ‘Figlio diletto',

e lo Spirito in forma di colomba

confermava la sicura verità

di questa parola,

O Cristo Dio che ti sei manifestato,

e hai illuminato il mondo,

Gloria a te".

L'inno riprende ed elabora gli elementi che ci riporta il Vangelo di Matteo che si proclama quel giorno. Gesù "andò al Giordano per farsi battezzare" da Giovanni che cercava di rifiutarsi dicendo: "Io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me"? Ma Gesù insistette. E appena battezzato, uscendo dall'acqua "si aprirono i cieli, ed egli vide lo Spirito di Dio scendere come una colomba e venire su di lui". Nello stesso tempo una voce dal cielo disse: "Questi è il mio figlio diletto nel quale mi sono compiaciuto" (Mt 3,16-17).

L'inno riassume e interpreta:

  • Al tuo battesimo nel Giordano, si è manifestata(ephanerōthē) la Trinità che veneriamo,
  • Si sentì la voce del Padre che ti indicava come Figlio diletto,
  • Si vide lo Spirito Santo sotto forma di colomba,
  • Questi confermava la sicura verità della Parola sentita.
L'inno termina con la preghiera dossologica:

  • Cristo Dio che ti sei manifestato (epiphaneìs)
  • Che hai illuminato il mondo (tòn kòsmon phōtìsas):
  • Sia Gloria a Te.
L'Epifania del Cristo, la sua manifestazione dall'alto, è illuminazione del mondo. La festa dell'Epifania-Teofania è detta anche Festa delle luci. Nell'Apolytìkion di Natale si dice coerentemente che dalla Vergine "è sorto il Sole di giustizia", Cristo Dio nostro, "che illumina coloro che erano nelle tenebre".

Il giorno della Teofania, battesimo di Gesù, è una delle grandi dodici feste dell'anno liturgico bizantino. E' uno dei giorni indicati per il battesimo dei credenti come allude l'inno che si canta al posto del Trisaghion: "Quanti siete stati battezzati in Cristo, di Cristo vi siete rivestiti".

In questo giorno ha luogo la Grande Benedizione (Mègas Aghiasmnòs) delle acque, una akolouthèia analoga alla benedizione dell'acqua per il battesimo di ciascun fedele. Nell'acqua benedetta si immerge la Croce, segno del battesimo di Cristo, paradigma del battesimo di ogni cristiano.

Questa celebrazione ha luogo al termine del vespro in chiesa, mentre il giorno stesso della festa, il 6 gennaio, si ripete nella fontana del villaggio, o in un fiume vicino, o, dove si trova, nel mare, a imitazione del battesimo di Gesù avvenuto nel Giordano.

Con l'acqua del Grande Aghiasmòs, in questo giorno e nei giorni seguenti, si benedicono le case delle singole famiglie, estendendo la benedizione di Dio all'intera comunità credente e all'ambiente in cui vive.

Si conferma, con l'acqua benedetta nel giorno della Teofania, l'annuncio della fede nella Trinità all'intera comunità, richiamando la venerazione che ad Essa deve il credente.

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.