Vita di Mons. Francesco Bugliari

Scritto da luciano bugliari il . In Libri in recensione

vitamonsfbugliari
In occasione del bicentenario della morte di Mons. F. Bugliari, abbiamo provveduto alla ristampa del libro in terza edizione.
Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

.

Mons. Giuseppe Bugliari

Scritto da luciano bugliari il . In Libri in recensione

monsgbugliari Il libro, ristampato in seconda edizione, è ancora un omaggio alla memoria del suo autore arbëresh Dott. Francesco Bugliari.
Per info contattare Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
.

"Spiegazione della Messa di San Giovanni Crisostomo" di Nicola Dragotta

Scritto da Pietro Di Marco il . In Libri in recensione

titolo-libro-su-dragotta_coLa Parrocchia di rito bizantino di San Nicolò di Mira, che si è distinta in particolare per la salvaguardia dell'identità culturale e rituale degli Albanesi che hanno ripopolato il vecchio Casale di Mezzojuso intorno alla fine del XV secolo, e si è configurata per secoli come centro propulsore di tradizioni, spiritualità ed arte bizantina, conserva un testo molto interessante: il manoscritto di Nicola Dragotta, dal titolo "Spiegazione della Messa di San Giovanni Crisostomo", scritto nel 1796. Si tratta di un lavoro veramente innovativo per l'epoca in cui fu composto, frutto dello spirito aperto ed illuminato del giovane autore, ed ancora oggi attualissimo in un momento storico in cui i rapporti interecclesiali costituiscono ognora motivo di riflessione, mentre si succedono, non sempre in maniera proficua, i tentativi di riavvicinamento tra la Chiesa di Roma con i fratelli separati d'Oriente, che formano una parte dell'ecumene cristiano.
.

Un arbëresh in Albania nella seconda guerra mondiale

Scritto da staff Jemi il . In Libri in recensione

copertinamattano"Queste memorie di guerra del soldato Mattanò sono affascinanti per la ricchezza umana e la vivacità della narrazione, in un italiano alquanto personale e molto espressivo. Sono anche un documento importante per la conoscenza della nostra guerra in Albania, cosi dimenticata dagli studiosi e dagli stessi reduci.

Vittorio Mattanò nel 1940 è un contadino diciannovenne di Lungro, Cosenza, che vive con fierezza e naturalezza la sua doppia identità di italiano e di albanese. "Gli italo-albanesi, scrive, sono cittadini di due patrie. L' amor patrio in essi vibra come duplice lingua di un' unica fiamma". In realtà Mattanò e fortemente legato alla sua terra calabra e ad essa torna alla fin e della guerra  fuggendo pieno di rimorsi dalla famiglia albanese che lo aveva accolto come un figlio; e non perde occasione per esaltarne storia, vita e costumi, pur subendo il fascino della "internazionale albanese" che scopre oltremare. Autodidatta, ha un bagaglio vivo e disordinato di letture in italiano e poi anche in albanese; e significativo che l'unico giudizio negativo che esprime sull'Albania riguardi la tragica diffusione dell' analfabetismo (colpa dei governanti, dice). Scrive vent'anni dopo gli avvenimenti, che però gli sono ancora incisi nella memoria con straordinaria vivacità e precisione."

.

Dizionario illustrato italiano - arbërisht – shqip, vol. 1

Scritto da Costantino Bellusci e Flavia D'Agostino il . In Libri in recensione

libro_bellusciL'opera presente è un dizionario arbëresh lessicografico - didattico che contiene oltre diecimila termini linguistici tra sinonimi, varianti (di diversi paesi, ma anche dello stesso paese), proverbi e frasi idiomatiche bilingue delle Comunità italo-albanesi esaminate, che, per oltre il 70%, sono comuni a quelli della lingua albanese madre. Tale raccolta lessicografica risulta molto valida perché permetterà di acquisire fondamentali elementi e preziose conoscenze per la formulazione in futuro di una possibile ed utile "parlata arbëreshe comune" che a noi piace definire "ARBASHKUAR" (arbërisht i bashkuar) per tutte le Comunità albanofone presenti in Italia e dislocate in varie e particolari aree linguistiche, che permetterà a tutti gli Arbëreshë di comprendersi ovunque nella loro lingua avendo la base linguistico-lessicografica comune.

.

Articoli suggeriti