Cognomi sardi di ascendenze balcaniche

il . In Libri in recensione

Indice articoli

 IL COGNOME RASCA

A parere di Maxia 2015, 724 tale cognome, attestato un paio di volte (Leonardus Rascha; Meriani Rasche) in documenti notarili trecenteschi (1320- 1326), vergati in latino (Basso-Soddu, 130, 161) trarrebbe origine dal nome di un monastero rumeno, con tale nome. Da dove attinga questa informazione non ci è detto. A ben guardare, innanzitutto la costituzione del monastero rumeno (che prende denominazione dal locale idronimo Rasca) pare successiva al 1363, secondariamente, cosa di cui Maxia non si è accorto, si trova Raskis in CBonarcado, sch. 73 (: Petru Raskis su presbiteru meu), e nello stesso troviamo un Cipari Arrasca alla sch. 142 e un top. binia d'Arrascas 'vigna d'Arrascas', alla sch. 200, in cui molto probm. seguendo le modalità prostetiche del camp., si prefissa con ar- sulla rotata iniziale, visto che la vocale subito seguente è a (cfr. arramasit 'rimase' dello stesso condaghe, ove il fenomeno è ben presente anche se oscillante, cfr. Virdis CV-CVI), indi per cui temo che anche il Rasca notarile andrà interpretato come un onomastico encorico e, come vediamo, sostratico. Una base onomastica Rask- (: Raskos, Rasku-poris) ci è offerta infatti in grossa quantità dal trace e si pensa valga 'regale' (Decev, 393) oppure quanto il germ. rasch, rash 'veloce, rapido, potente' (Russu 1969, 135; Duridanov 1985, 82; Orel 2003, 297); c'è oggi in area balcanica un nome di fiume slavo Raškovec che potrebbe agevolare tale ipotesi, ma lo stesso Duridanov 1975, 151 lo deriva dal nome proprio bulgaro Raško; invero nomi di fiumi con Rask- sono frequenti in area russa (: Rask Sobjanka, Raskabalьxa, Raskopanka ecc., cfr. Vasmer 1968, iv: 22); inoltre un idronimo Rashkadolit troviamo oggi in Albania (Lafe, 246), e un altro ancora, di nome Rasca, troviamo nel tarantino (Rohlfs 1986, 105), evidente retaggio del sostrato messapico (cfr. qui Gallisai, Taras); Raška era poi il nome del fiume (al confine del Kossovo) su cui si sviluppò la civiltà serba; in sancostantinese, dialetto arbëresh, trovo rrahj 'ruscello' (Camaj 1993, 225), che potenzialmente può derivare da un *raski. La conferma della giustezza di tale idea, ci giunge con Spano, 20 e Angius i, 116-117 che riportano l'idronimo di Aràschisi (o Aràscisi secondo l'inflessione camp.) per Meana. Un cogn. Rasku è infine reperibile fra gli albanesi (2 casi nella sola Tirana, NT, ma manca in Bidollari).

Блогът Click here очаквайте скоро..

Full premium Here download theme for CMS

Bookmaker Bet365.gr The best odds.

Articoli suggeriti